lunedì 10 giugno 2013

Aurassini fino a Viareggio senza gareggiare...

Il fine settimana del 24, 25 e 26 maggio i cinque aurassini Stani Santangelo, Giuseppe Penniello, Giuseppe Vuolo, Gianluigi Buono e Filippo Perrella si sono recati a Viareggio, precisamente a Torre del Lago, per i Campionati Italiani di salvamento. Nelle due giornate di gare il meteo non era per niente favorevole e già una settimana prima delle gare era stata diramata un allerta meteo per la toscana. Nella giornata di sabato, caratterizzata da vento fortissimo, pioggia e fulmini, il mare era veramente proibitivo e sicuramente sarebbero entrati in difficoltà anche i più esperti del settore; quindi gare sospese e tutto rinviato al pomeriggio. Nel pomeriggio il vento e il mare hanno iniziato a calmarsi, mentre la pioggia e il sole si alternavano a tratti. Sfortunatamente non si poteva scendere in acqua per via di un ordinanza emanata dalla capitaneria della zona quindi si è deciso di iniziare a fare la gara "Bandierine", l' unica  in programma sulla spiaggia. Dopo circa un ora e mezzo nonostante il buon tempo e il sole ancora alto, si è nuovamente deciso di sospendere le gare, rinviando tutto al giorno dopo. Domenica, il vento si è calmato e nonostante le onde fossero ancora alte era più che accessibile per tutti i ragazzi.  Purtroppo la federazione e in particolare coloro che montano i campi gara in acqua non avevano alcuna voglia di far gareggiare i ragazzi con la motivazione del mare agitato. Dopo oltre un ora di attesa sono riusciti a mettere una boa in acqua per la gara "corsa nuoto corsa". Per evitare problemi si e deciso di far iniziare prima i più grandi, quindi i seniores maschi. Nell'unica batteria partita è mancata la serietà degli atleti e approfittando del fatto che non ci fosse un giudice in acqua per via delle onde, la maggior parte di loro e tornata a riva senza girare la boa. Finita la gara, a peggiorare la situazione, un falso allarme di un finto annegato ha messo in allerta tutta la spiaggia. Quindi dopo la gara corsa nuoto corsa la federazione ha deciso di sospendere tutte le gare a mare per motivi di sicurezza. Finite le gare, tutti , anche i più piccoli, sono scesi in acqua con le tavole e a nuoto per farsi il bagno....  Nel frattempo si e continuato sulla spiaggia con la gara bandierine. Peccato per Vuolo (quarto l'anno scorso e terzo due anni fa) che dopo essersi qualificato con facilita per la finale, è stato eliminato ingiustamente, dopo aver preso la bandierine insieme ad un altro atleta; quindi sesto posto amaro per l'isolano. Benissimo anche Stani Santangelo  che nonostante non fosse la sua specialità é riuscito a conquistare un tredicesimo posto, importantissimo per la classifica di società. Purtroppo assente a queste gare il dt Carlo Picconi, rimasto ad Ischia per la nascita della figlia Valentina. Adesso la preparazione continua in vista dei campionati italiani assoluti, denominati Rescue, che si svolgeranno a Ravenna (gare in piscina) e a Cervia (gare a mare), nell'ultima settimana di giugno. Speriamo che nelle prossime occasioni la federazione si comporti un pò più seriamente, perché far spostare centinaia di persone e poi non farle gareggiare, non è corretto nei confronti degli atleti che hanno speso soldi e perso tempo negli allenamenti.

I cinque Aurassini

Santangelo, Penniello, Perrella, Buono e Vuolo

La tavola e le onde di domenica mattina

Penniello nella gara Bandierine


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...