martedì 21 maggio 2013

Resoconto del Trofeo "Isola d'Ischia"

Per l’ottavo anno consecutivo, sabato 11 e domenica 12 maggio ad Ischia, si son tenute cinque manifestazioni di nuoto per salvamento organizzate dall Auras in collaborazione con il CRC della Fin, e con il patrocinio dei comuni di Ischia e Forio, dell' istituto di istruzione superiore “Cristofaro Mennella”, dello CSEN, e del parco Negombo. Queste le cinque manifestazioni che si sono volte nei due giorni di gare presso la piscina comunale e presso la baia di San Montano: Campionati Regionali Assoluti, Trofeo Oceanski, Trofeo Nazionale Assoluto, Rescue Nazionale Master e Memorial “Nello Picconi”.
L'Auras va benissimo in tutte le manifestazioni , al Trofeo Nazionale conquista il secondo posto dietro al Posillipo, al Rescue Nazionale Master quarta ad un passo dal podio mentre il memorial “Nello Picconi” combinata di gare master e agonisti è stato vinto dagli aurassini. Grandissima è stata la soddisfazione del tecnico Carlo Picconi e degli atleti isolani (ischitani e procidani) per la vittoria del Memorial. Le gare sono iniziate sabato mattina presso la piscina comunale di Ischia “F Ferrandino”, in occasione dei Campionati Regionali Assoluti e del Rescue Nazionale Master. Il cronometraggio era del tipo semiautomatico e grazie ai display posti in piscina è stato possibile conoscere i tempi dei ragazzi in diretta. Finite le gare in piscina circa 200 persone, tra atleti accompagnatori e tecnici si sono trasferiti al Negombo per le prove oceaniche. Quest'anno la baia del Negombo era veramente spettacolare e sicuramente dal punto di vista scenografico è una delle spiagge più belle d'Italia in grado di ospitare una manifestazione cosi importante. Inoltre il sole, il vento e le onde stile Hawaii hanno reso le gare più belle, interessanti ed imprevedibili. Nella baia di san montano sono state montate ben 14 boe, 9 per le staffette, 2 per il frangente, e 3 per la tavola e canoa; nonostante le difficili condizioni meteomarine il campo gara ha resistito alla perfezione e il gommone del'Auras é stato utilissimo per la giuria e per l'assistenza agli atleti.
Nelle gare oceaniche l’Auras è fortissima, stravince la gara con canoa nei maschi (Perrella, Fiorillo, Penniello, Vuolo e Santangelo) e conquista due triplette nella tavola maschi (Penniello, Santangelo e Perrella) e nella canoa Femmine (Iacono, Mosca e Lambitelli). Da evidenziare anche la vittoria di Perrella e Santangelo nella staffetta salvataggio tavola, già finalisti italiani assoluti nella specialità, e il bronzo di Vuolo nella gara Bandierine.Sul campo gara erano presenti il presidente della FIN salvamento (federazione italiana nuoto) Vincenzo Vittorioso e il consigliere regionale campano della FIN Alfonso Abate, entrambi sorpresi dall’organizzazione e dalla meravigliosa isola. Bisogna complimentarsi anche con i ragazzi del nautico che nei due giorni di gare hanno lavorato duramente sia in piscina che a mare per la buon riuscita del trofeo. Fondamentali nell'organizzazione e nel montaggio del campo gara anche i ragazzi dell'Auras, sempre pronti a dare una mano tra una gara e l'altra. Adesso uno dei prossimi obiettivi dell’Auras è quello di diventare un centro didattico nazionale per le gare oceaniche nel salvamento. Le gare non finiscono qui e questo finesettimana la squadra dell’Auras si trasferirà a Viareggio per i Campionati Italiani di Categoria.


Il presidente Vincenzo Vittorioso insieme a Carlo Picconi e Alfonso Abate

Filippo Perrella

Giuseppe Vuolo nella staffetta torpedo

Perrella e Santangelo nella salvataggio tavola

preparazione della gara frangente

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...